Diario di un viaggio


Ecco che vi propongo a puntate il diario di un viaggiatore: Carlo detto Shella. Ripropongo qui il diario anche se lui già pubblica su un sito (orrendo!) tutto il suo percorso. Se volete andare a leggervelo direttamente, nelle prossime puntate darò le coordinate del suo blog.

Il mio intento è far conoscere il viaggio di un giovane trentenne che ha il mondo come patria e non smette mai di viaggiare.  Lo conosco da 10 anni ormai e lo ammiro (ma non diteglielo)

Ecco di seguito la prima puntata. Ogni volta che pubblicherò una sua notizia, metterò tra parentesi quadre “Shella” tanto per capire che è lui che scrive. Io al massimo faccio da revisore e metto un pò di foto.

[SHELLA] Il buongiorno si vede dal mattino

Shella Düsseldorf | 2009-09-23

Aeroporto Malpensa, ore 6.45
Ragazza carina allo sportello del check-in: "Buongiorno, biglietto prego".
Shella sorridente: "Buongiorno, ecco a lei".
Ragazza carina allo sportello del check-in: "Ha il biglietto di ritorno da Bangkok?".
Shella sorridente: "No signorina, ho solo l’andata!"
Ragazza non molto carina allo sportello del check in: "Se lei non ha ne il biglietto di ritorno ne il visto non può salire a bordo."
Shella perplesso e agghiacciato: "…"
Ragazza sempre meno carina allo sportello del check in: "…".
Shella perplesso agghiacciato ed incazzato: "Ma scusi mi vendete un biglietto e non mi fate salire?".
Ragazza bruttina allo sportello del check in: "Non è colpa nostra, è la legge"
Shella incazzato come un’ape: "Ma il visto è risaputo che è possibile farlo direttamente a Bangkok!!!"
Ragazza brutta brutta allo sportello del check in: "Non nel caso di voli internazionali…"
Shella disperato mentre il check in è in chiusura: "E che devo fare!?!?".
Ragazza brutta come la fame al check in: "Può recarsi in biglietteria qui dietro e chiedere un biglietto di ritorno, senza non può salire."
Shella in furia omicida: "KEKKOOOSA?"
Ragazza brutta così brutta che non ne ho mai viste: "…"
Shella: "…"
Mi reco quindi incazzato, disperato, agghiacciato, inpanicato…. allo sportello della Air Berlin per chiedere quanto costa un biglietto di ritorno e dopo una interminabile attesa ed interruzione di telefonate…
Ragazza2 molto più carina della precedente: "il biglietto più economico per risolvere la situazione è un Bangkok – Düsseldorf a 259 euro"
Shella: "… kekkoooosa!"
Ragazza2 che sta perdendo il suo fascino: "Provi ad andare allo sportello della Sea a chiedere altri prezzi"
Shella mentre guarda l’orologio e pensa al check in che chiude a breve: "Ma faccio in tempo col check in o spendo un sacco di soldi e poi mi lasciate qui in Malpensa? E poi se è solo una questione burocratica in SEA posso chiedere anche un biglietto Bangkok Singapore per dimostrare che non sto in Tailandia giusto?"
Ragazza2 che ridiventa più carina: "Il check in chiude fra 45 minuti quindi ha tempo, per il biglietto le confermo che basta un biglietto che dimostri che se ne va dalla Tailandia."
Shella preoccupato e confuso: "Ok vado a chiedere in SEA, scusa se sono stato nervoso ma sono incazzato come un’ape… è tutto assurdo"

Ragazza2 molto più carina: "Si figuri, comprendo benissimo"
Saluto la mia nuova amiiiiiica e mi fiondo allo sportello SEA sperando di trovare un volo veramente economico. Racconto la pappardella alla Ragazza3 e dopo una breve ricerca sono costretto a comprare un biglietto per la Malesia da 112 euro. E’ un biglietto che con tutta probabilità non utilizzerò mai e l’alternativa era spendere il triplo per un biglietto rimborsabile… ma visto che la sfiga mi si aggrappa alla schiena con le unghie affilate opto per dare già per drammatico il rimborso e taglio la testa al toro. Adesso ho anche un biglietto per la Malesia e vedrò se utilizzarlo. Ovviamente nel momento in cui lo utilizzerò avrò lo stesso identico problema del visto ma potrò porre rimedio a Bangkok andando a gesticolare in ambasciata Malaysiana…
Ora sono a Düsseldorf e scrivo dall’aeroporto pieno zeppo di wireless points. Dovrò aspettare 7 ore prima di imbarcarmi sull’aereo che per 10 ore attraverserà Europa ed asia per atterrare a Bangkok.
Pazzesca sta cosa, anche nel mio viaggio in Colombia ed Ecuador sono partito con assurdità che rischiavano di lasciarmi a Malpensa… poi però si è risolto tutto per il meglio. Alla fine è importante stare sempre calmi e ragionare senza panico… una soluzione la si trova in un modo o nell’altro.
Prima di chiudere questo post però voglio ringraziare a livello generale tutti coloro che si sono fatti in quattro per me in questi ultimi giorni di permanenza a Gallarate, chi per i regali, chi per lo zaino, chi per l’aiuto nel trasloco.. insomma grazie di tutto rigaz.
E’ figo partire… ti trovi un sacco di attenzioni ed un sacco di calorosi abbracci… dovrei farlo più spesso :-p
A presto e mentre io sarò tra i 30 ed i 35 gradi… mi raccomando eh! Godetevi questo tenero INVEEEEEEERNO
😀

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...